aptamil
Lifestyle

La scienza che è al servizio della vita

Durante i primi anni di vita un bambino è in continuo “divenire”. Si sviluppa, cresce, aumenta di peso, altezza e maturano tutti i suoi organi interni, stomaco, intestino e cervello in primis.
Assicurare una nutrizione adeguata in questi anni è di fondamentale importanza per crescere forti e soprattutto in salute.

E’ questo l’obiettivo che i ricercatori del Centro di ricerca Nutricia si pongono: trovare soluzioni per un’alimentazione per la prima infanzia che possa garantire sicurezza a mamma e bambino.

Dopo la nascita, il latte materno è indubbiamente il nutrimento perfetto, ed esclusivo fino al sesto mese, ma nel caso in cui allattare non sia possibile è opportuno fornire al bambino la giusta alimentazione.

aptamil

Anche dopo il compimento del sesto mese, l’alimentazione lattea del bambino è un argomento dibattuto. Nel momento in cui non sia possibile continuare l’allattamento al seno è consigliabile scegliere, con l’aiuto del pediatra, i latti di proseguimento, evitando il latte vaccino. E dopo l’anno si può valutare invece l’introduzione del latte di crescita.

Aptamil, che nasce dall’esperienza Nutricia, ha dato vita a 2 nuove formule: Aptamil ®2 Pronutra®-ADVANCE e Aptamil 3 Latte di Crescita Pronutra®-ADVANCE. Queste formule sono integrate con le vitamine A, C e D che contribuiscono al normale funzionamento del sistema immunitario e sono caratterizzate dalla presenza di olio di pesce e dalla miscela prebiotica brevettata di GOS/FOS nel rapporto 9:1.

aptamil

Aptamil 2 pronutra-ADVANCE è inoltre ricco di ALA (acido alfa linolenico) che favorisce lo sviluppo cerebrale. Anche dopo l’anno di vita si può proseguire con Aptamil 3 Latte di Crescita Pronutra-ADVANCE che è anche fonte di ferro.

Ma dove tutto ha inizio?
Dalla ricerca sul latte materno.
Ho avuto l’opportunità di visitare il Centro di ricerca Nutricia, ecco cosa ho imparato!

I primi 1000 giorni, che intercorrono dal concepimento al compimento del 2 anno di vita, sono i più delicati e i più importanti per l’adulto che verrà. E’ quella la finestra temporale in cui il bambino cresce di più, sia fisicamente che cognitivamente, e in cui i suoi fabbisogni nutrizionali, tra cui quelli di ferro, calcio e acidi grassi essenziali sono elevati e devono essere soddisfatti. Come la mamma e il bambino sono nutriti nei primi 1000 giorni andrà a influire positivamente e negativamente sulla salute futura.

Il bambino infatti non è un piccolo adulto, ma è un corpo che ha dei fabbisogni precisi, dovuti al fatto che è un piccolo organismo in crescita, all’iniziale immaturità di sistema digestivo, , sistema immunitario, ossa e cervello. Ha bisogno di una nutrizione specifica!

Il latte umano è il cuore della scienza: la ricerca Nutricia studia la composizione del latte materno e i relativi benefici da più di di 40 anni di studio. I ricercatori si preoccupano di analizzare il latte umano, ne studiano la composizione, gli effetti e come questo cambia.

La composizione del latte materno è altamente variabile e specifico per il bambino.

Cambia da mamma a mamma.
Cambia in base al sesso del bambino.
Cambia durante tutto il periodo dell’allattamento, passando da colostro a latte maturo.
Cambia durante una singola poppata.
Cambia in base allo stato di salute del bambino.
Cambia in base all’alimentazione della mamma, che deve essere sana ed equilibrata a partire dalla gravidanza.

Ha componenti diversi, che lavorano in sinergia perfetta, per rispondere alle specifiche esigenze i del bambino

Tra tutti i componenti del latte umano gli oligosaccaridi, che hanno funzione prebiotica che aiuta cioè l’equilibrio del microbiota intestinale, sono tra i nutrienti più rappresentativi.

L’intestino si sviluppa, dal momento della nascita, in lunghezza e in forma. Si iniziano a formare i villi e prende vita il microbiota, che è fortemente influenzato dai contatti che il bambino ha nelle prime ore di vita. Parto naturale o parto cesareo? Allattamento al seno sì/no ?E il microbiota cambia!

l’intestino copreun ruolo importante per la salute dell’organismo: ormai è appurato che esso costituisce il nostro secondo cervello. In particolare gioca un ruolo importante per la salute del sistema immunitario, contenendo più del 70% delle cellule immunitarie.

La corretta alimentazione, a partire dalla nascita, aiuta l’intestino a lavorare al meglio, e garantisce l’ottimale modulazione del microbiota intestinale e una funzionalità migliore del sistema immunitario.

Alla nascita il sistema immunitario del bambino è immaturo e con lui cresce e si rafforza. Sia un’alimentazione sana e adeguata, che fornisce tutte le sostanze nutritive essenziali, che l’ambiente esterno contribuiscono allo sviluppo di un buon sistema immunitario.

Da oltre 40 anni la ricerca del latte materno ha permesso di creare prodotti per la prima infanzia che diano al bambino ciò di cui ha bisogno nei primi anni di vita, qualora l’allattamento al seno non fosse possibile.
Non è facile studiarlo, data la grande differenza interindividuale, ma la lunga esperienza ha portato all’innovazione e allo sviluppo di soluzioni pionieristiche nell’ambito del latte in formula con importanti approfondimenti sul ruolo della complessa architettura del latte umano, che rappresenta sempre il golden standard perfetto e inimitabile.

aptamil

Post in collaborazione con Aptaclub

Mi chiamo Francesca, sono una giovane dietista libero professionista e amante della cucina.
Insomma, divido il mio tempo tra il camice bianco e il grembiule a pois.
Promuovo sempre un’alimentazione che, oltre ad essere equilibrata, naturale e personalizzata, sia anche gratificante. Fondamentale per me è tenere conto anche dell’aspetto edonistico e conviviale che ha il buon cibo. Mi focalizzo spesso sulla qualità di ciò che si porta in tavola: è questo che fa davvero la differenza tra mangiare e nutrirsi.
Prima di essere dietista, sono una ragazza dai gusti semplici. Amo il cioccolato fondente, i pistacchi, la lettura e indosso sempre un dettaglio verde. Ho saputo trasformare la precisione, l’ordine e l’organizzazione in un punto di forza.
Perché il soprannome mela? È l’amore che me l’ha donato e io me lo tengo stretto.
Siete curiosi di sbirciare nella cucina di una dietista?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.