Un giorno perfetto
RICOMINCIODAILIBRI

Un giorno perfetto. Età di lettura: dai 3 anni

Il sole splende nel cielo, nell’aria si diffonde profumo di fiori. Il prato è soffice e invitante, la primavera è nel suo culmine. Questo è il clima che si respira nel nuovo albo di Lane Smith, già autore del celebre È un libro.

Un giorno perfettoLa natura è rigogliosa, il tempo è bello e gli animali si godono i primi caldi e la quiete.
Il gatto è steso al sole, tra i fiori; il cane si rinfresca in una piscinetta d’acqua preparata appositamente per dargli sollievo dal caldo; un uccellino pranza sereno con i semi portati da Bert, il piccolo padrone di casa, mentre accanto a lui, un po’ più in basso, uno scoiattolo sgranocchia soddisfatto una bella pannocchia.

Un giorno perfetto ricominciodaquattroInsomma, è un giorno perfetto. O almeno lo sembrava. Sì, perché a quanto pare tutta questa beatitudine è destinata a durare ben poco.

Un giorno perfetto ricominciodaquattroPlacido nell’incedere, arriva infatti un orso che, vista la pannocchia dello scoiattolo e i semi dell’uccellino, ci si avventa con grande voracità.
Poi, fa il bagno con l’acqua del cane e si rotola soddisfatto nel prato dove se ne stava disteso il gatto.

Un giorno perfetto ricominciodaquattroRisultato: fine della bella giornata per questi quattro animali. Si allontanano dal giardino, contrariati e un po’ intimditi. Orso invece, incurante della confusione che il suo arrivo ha causato, se ne sta beatamente disteso in mezzo all’erba, con la pancia piena e il cuore completamente in pace.
Chiude gli occhi e in un attimo eccolo lì, a sonnecchiare in mezzo ai fiori.
Per gli altri, che lo osservano stupefatti dalla finestra, quello era un bel giorno (o almeno poteva esserlo), teoricamente nulla doveva impedirlo.

Un giorno perfetto ricominciodaquattroInvece eccoli lì, a spiare la sua gioia, il suo relax, dalla finestra di casa, accanto a Bert. Sarà cattivo? Ma no! Certo, ha scombinato per bene i piani a tutti quanti!

È proprio vero –viene da pensare- che la felicità è una cosa estremamente relativa. C’è chi ambisce a un bell’angolo di prato in pieno sole, chi è felice quando gioca, chi si gratifica con un prelibato spuntino.

E poi c’è quell’Orso (un gran pasticcione a dire il vero), che si aggira ingenuo, distrugge o si appropria delle cose degli altri, il tutto senza metterci però alcuna intenzione o volontà di fare un dispetto a qualcuno. Lui, goffo e curioso, è semplicemente felice in situazioni in cui gli altri non lo sono.

Il suo punto di vista è diverso, ma privo di malizia.

Un po’ come un bambino, agisce d’istinto, non pensa alle conseguenze. Vede qualcosa che lo può rendere felice e ci si lancia, letteralmente.

Come si fa ad arrabbiarsi con lui, mentre lo si guarda dimenarsi sul prato schiacciando quei deliziosi fiori su cui poggiava delicato il gattone pocoprima?
Come non ridere vedendo la pannocchia incastrata tra una guanciotta e l’altra, come a creare un buffo sorriso di chicchi di mais sul suo musone?
E l’acqua fresca della piscina del cagnolino? Orso non si è mai divertito così tanto, come quando se l’è lanciata addosso ridendo a crepapelle.
Così, forse, per i quattro animali, come anche per Bert, sarà un giorno perfetto un’altra volta. Oggi pare proprio che lo sarà per quel grosso Orso e, in fin dei conti, a vederlo tanto contento, per stavolta va bene così.

Buona lettura,

Maria Salbego

Un giorno perfetto
[Lane Smith, Rizzoli, 2018. Età di lettura: dai 3 anni]

Che dire di me? Passo per essere quella ligia al dovere, ma che non sa resistere ai voli della fantasia. Da sempre ho amato con tutta me stessa le leggende, i miti e le storie dei vecchi e di tempi lontani. Per questo ho studiato con passione il greco e il latino e con altrettanta passione ho preso due lauree in storia dell’arte, con due tesi in una materia che di storie in serbo ne ha parecchie: l’agiografia.

Finiti gli studi ho rispolverato una vecchia fiamma, quella della letteratura per l’infanzia.

Da due anni sono volontaria del progetto Nati per Leggere a cui ha aderito la biblioteca del mio paese: mi si è aperto un mondo bellissimo e sono diventata un’avida divoratrice di albi illustrati (ho un debole in assoluto per le storie di orsi!).

Scrivo in questa rubrica per cominciare una nuova avventura, per mettermi alla prova e – perché no? – per tornare bambina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.