NUTRIPEDIA: InformaTi per crescere
Lifestyle

NUTRIPEDIA: InformaTi per crescere. E le fake news hanno le ore contate

Quando si sta per diventare genitori si è assaliti da un sentimento indefinito che è un misto di felicità e paura, soprattutto per il primo figlio.
Ci si sente smarriti e spesso si chiedono consigli a familiari e amici che sono già genitori, in modo particolare per ciò che riguarda l’alimentazione, sia in gravidanza che dopo la nascita del bambino.
Questo però non aiuta i neo genitori, anzi, spesso crea in loro ancor più confusione.

NUTRIPEDIA: InformaTi per crescere

S’imbattono in false credenze e in informazioni non supportate da una verità scientifica, che li portano a commettere tanti errori che potrebbero essere evitati e a vivere con ansia alcune fasi di crescita del bambino che, invece, potrebbero essere vissute con molta serenità e naturalezza.
E per crescita del bambino intendo anche i nove mesi di gestazione, quindi l’alimentazione in gravidanza.

Per questo motivo nasce il progetto ‘NUTRIPEDIA – InformaTi per crescere’ in cui esperti scientifici, divulgatori e genitori fanno squadra per intercettare le fake news e contribuire ad un’informazione corretta, al servizio delle famiglie.

Giovedì 21 giugno, ho partecipato, a Milano, alla presentazione di questo progetto in cui, con grande piacere, sono stata coinvolta come mamma che può raccontare la propria esperienza per aiutare altri genitori.

Nutripedia è il nuovo percorso d’informazione e educazione alla corretta nutrizione nei primi 1000 giorni di vita, promosso dagli esperti di RIMMI (Rete Interaziendale Milano Materno Infantile) e da Fondazione Istituto Danone con la preziosa collaborazione di partner quali il Gruppo Cairo-RCS, Fattore Mamma e Facebook , che contribuirà alla massima amplificazione dei messaggi.

Nutripedia.it vuole essere una “enciclopedia” viva, in continua evoluzione, che si alimenta di argomenti e notizie sulla nutrizione della mamma e del bambino nei primi 1000 giorni di vita.
Per primi 1000 giorni di vita s’includono anche i nove mesi della gravidanza.
Un’enciclopedia che sarà alimentata da esperienze personali di genitori come me, supportate dal rigore scientifico di esperti che affronteranno i temi più caldi dell’alimentazione dei primi 1000 giorni.

Particolare attenzione sarà riservata alla fase dell’alimentazione in gravidanza, e sapete quanto mi è caro l’argomento, dell’allattamento, dello svezzamento e del periodo dopo il 1° anno di vita.

NUTRIPEDIA: InformaTi per crescere

Sul sito Nutripedia.it sarà possibile trovare risposte corrette ai mille dubbi che assalgono i genitori, leggere le esperienze personali di genitori che si sono imbattuti in consigli sbagliati e leggere le più grandi fake news che circolano in rete sull’alimentazione nei primi 1000 giorni, nella sezione dedicata esclusivamente alle “bufale”.
Qui i genitori potranno confrontarsi e informarsi con gli esperti e fra di loro, per individuare, smascherare e isolare le informazioni confuse e scorrette.
Lo scopo è quello di far nascere un vero e proprio movimento contro le fake news.

Il progetto è ambizioso e carico di responsabilità, spero di essere all’altezza della fiducia che è stata riposta in me.

(In collaborazione con Fondazione Istituto Danone)

Mi chiamo Adriana, sono mamma di Semuel, Carlo, Vittoria, di una fagiolina in arrivo, e eterna fidanzata del Puni. Queste le mie certezze!

Mi immaginavo regina del Foro e sognavo una vita in giro per il mondo. Ho anche vissuto parte della mia vita tra libri di giurisprudenza con la valigia sempre pronta. Poi con l’amica del cuore ho fondato una società nel campo dell’organizzazione eventi e tutto è cambiato per sempre.

Proprio mentre cercavo di organizzare anche la mia vita, ho conosciuto Il Puni. Da quel giorno la mia vita è letteralmente “ricominciata da quattro” e da questo momento nasce il blog, tutto il resto è storia. Vi basterà leggere il mio blog per capire molto di me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.