Il pensiero dei bambini è semplice.

Ultimamente sono molto attenta ai discorsi che mi fa Semmy. Non che prima non lo fossi ma Semuel parla tanto, tantissimo e ogni tanto mi perdo qualche pezzo. Avete presente una radio accesa ininterrottamente 24 su 24? Ecco questo è lui! Per fortuna direte voi, visto quello che si sente in giro, però, ogni tanto, un po’ di sano silenzio non guasta.
Comunque c’ha sempre pensato lui a farmi recuperare i pezzi quindi alla fine ero attenta anche prima. Prima di adesso, di questi ultimi mesi in cui ha fatto un cambiamento enorme. Non è più bambino (per me lo sarà sempre) ma non è neanche grande.

Sta diventato grande con una velocità impressionante. Ogni giorno che passa aggiunge un tassello fondamentale alla sua indipendenza e io inizio ad avere un po’ paura.
Per fortuna ci pensa lui a ricordarmi che è ancora molto più bambino che adolescente.
A 10 anni, quasi 11,  è ancora bambino anche se si atteggia da ragazzino.
Il suo modo di vedere il mondo a volte è disarmante. Per lui le cose sono ancora semplici, così come le vedi, senza ma e senza se.

“Mamma posso andare all’oratorio?”
“E’ tardi, i tuoi amici non ci saranno più.”
“E’ una bella giornata ci sono”
“Ok, però alle 7 a casa”
“Ok. Posso andare in bici?”
“Non hai il lucchetto”
“La guardo”
“Se giochi non la puoi guardare”
“Ma io la parcheggio in alto così la vedo”
“Come vuoi però non piangere se te la rubano e soprattutto non te la ricompro!”
“Ok non piango. Ciao”

[Notare che non ha detto “non me la ricompri”… Ore sette puntualissimo suona il campanello. Devo dire che è molto diligente sull’orario.]

“Com’è andata?”
“Bene”
“C’erano i tuoi amici?”
“No”
“Perché non sei tornato?”
“Perché ho giocato”
“Con chi?”
“Con dei bambini”
“Li conoscevi?”
“No”
“Scusa non li conoscevi e hai giocato con loro?
“Si”
“Ti hanno fatto giocare?”
“Si”
“Cosa gli hai detto?”
“Posso giocare?”
“E poi?”
“E poi niente mamma. Abbiamo giocato non parlato. Mamma per giocare non serve parlare”

Semplice no?
Chissenefrega di chi fossero, cosa facessero, quanti anni avessero.
A lui interessava semplicemente giocare e giocare è la cosa più semplice del mondo!

IMG_0134

Finalmente è iniziata anche la scuola! Oggi è un giorno speciale perché inizia il tempo pieno sia per Semmy, esce alle 16, che per Carlo. 2 su 3 impegnati fino a metà pomeriggio è un traguardo che mi rende molto felice.
Potrò sembrare una mamma snaturata, ma non mi interessa. Tre bambini, di tre età diverse, a casa, annoiati, sono il male. Quindi prima di giudicare, provare! Continua a leggere

B u o n g i o r n o!

IMG_2659

Eccomi di nuovo qui, come ogni lunedì.
Sono tornata da una vacanza lunghissima e ricominciare non è semplice. Tante cose da fare, sistemare e iniziare. Mille progetti, idee, un turbine di emozioni che mi fa esplodere la testa perché non so da che parte cominciare. Vorrei fare tutto e di più come ogni settembre, come ogni nuovo inizio, capita anche a voi?
Per me settembre è il mese del “…inizio il corso di…”. Sembra sempre che debba iniziare millemila corsi di ogni genere. Cucina, cucito, yoga, fotografia, inglese, musica, canto e chi più ne ha più ne metta.
Parliamoci chiaro, con tre bambini dove voglio andare? Cosa voglio iniziare? Certo posso fare quello che voglio, perché volere è potere, ma prima di tutto devo fare i conti con loro. Sempre loro, sempre lei, la famiglia, prima di tutto.
Non c’è storia, la famiglia è l’unico valore per cui valga davvero la pena lottare, con le unghie con i denti, senza mai mollare!

IMG_2826 Continua a leggere

Quest’anno i compiti delle vacanze per il mio Topino sono all’insegna della lettura. Diciamo che non ha fatto la ola quando l’ha scoperto ma non si è neanche disperato, ed è un buon segno! In totale dovrà leggere 4 libri. Due dei quali li ho scelti io per lui mentre era dalla nonna.
Non ha fatto obiezioni quando li ha visti, anzi mi è sembrato stranamente entusiasta.

libro2

Quanti ricordi! Chi non ha letto amato e odiato “Cuore”? Rileggerlo con Semuel sarà un piacere. Spero che riesca a capirne la vera bellezza e gli insegnamenti profondi scritti tra le righe di questo romanzo intramontabile. A mio parere è sempre attuale. Gli ho comprato la versione per bambini da 6 anni anche se c’era quella per ragazzi da 8 anni in su. Cambia solo l’impaginazione e le immagini, non la sostanza. Continua a leggere

Quando ripenso alle conversazioni che faccio con Topino mi viene sempre da ridere.
Lui ha la capacità di fare certi discorsi che alla fine mi lasciano senza parole. Hanno sempre una logica. La sua logica.
Con questi nostri dialoghi riesco ad avere una visione della sua visione del mondo, della vita, della sua realtà di quasi 10enne che si sente grande ma non troppo.
A volte mi pento di iniziare certi discorsi perché, come ormai sapete, lui ha il dono della “complicazione affari semplici“, a volte invece mi stupisce che riesca a fare certi ragionamenti.
Sta crescendo!
Un paio di giorni fa eravamo in macchina e io ho ripreso un discorso lasciato a metà.

IMG_4747 Continua a leggere