La verità è sempre la scelta migliore.

Ai miei bambini insegno a dire sempre la verità perché è meglio una brutta verità che una bella bugia, e ne sono convinta, anche se stavolta una bugia l’ho detta io.

Prima di scrivere questo post c’ho pensato un bel po’. Io parlo molto di me ma mi son chiesta fino a che punto fosse giusto raccontare le mie esperienze personali. Ho deciso che è giusto perché voi mi leggete proprio perché racconto la verità. Non mi nascondo dietro alla perfezione, mi son sempre mostrata per quello che sono.

Detto ciò, prima di continuare a scrivere voglio avvisarvi che sto bene, non voglio fare la vittima, sono felice. Vi racconto la verità perché fa bene a me raccontarla e può essere di aiuto o conforto a voi, che potreste aver vissuto la mia stessa esperienza.

Tutta questa premessa potrebbe far pensare a chissà quale tragedia è invece no, nessuna tragedia.

La verità è che il giorno del mio compleanno è stato un gran giorno di m….! Ecco l’ho detto, che liberazione, sto già meglio!

Un giorno da dimenticare e la verità è che la colpa è solo mia! Ho fatto tutto con le mie mani. Anzi con la mia lingua biforcuta che se ogni tanto la mordessi non sarebbe male.

La verità è che mi sono comportata come una vera cretina, ho detto cattiverie inutili, fatto capricci da vergognarsi, e alla fine sono rimasta sola. Ho mortificato una persona speciale che pensa solo a me, che vuole solo il mio bene sopra ogni cosa perché mi ama infinitamente.

La cosa più brutta è che non sono ancora riuscita a chiedere scusa. Ho chiesto scusa con i gesti ma non con le parole. Io che penso che le parole siano più efficaci delle cure. Io che so quanto un grazie avrebbe rimarginato subito la ferita.

La verità è che non penso quello che ho detto, anzi ho detto certe cose proprio per far del male, le ho studiate, messe insieme, dette, ma mai pensate, MAI!

La verità è che mi sento una codarda anche mentre vi sto raccontando queste cose perché la persona a cui vorrei chiedere scusa con tutto il cuore non leggerà mai questo post.

Ecco, questo è quanto. Ho fatto una cavolata, ne sono consapevole, so come rimediare ma non sono abbastanza forte e matura per farlo. Questo mi capito solo con le persone che amo più della mia vita.

Se per sbaglio tu dovessi leggere questo post… SCUSA! Non avrei mai voluto farti soffrire, non me lo perdonerò mai!

Vi è mai capitato di far del male a qualcuno e non avere le palle per chiedere scusa? Scusate il francesismo, ma ci sta tutto!

Buon lunedì!

Due giorni prima del compleanno del Puni arriva un pacchettino, per lui, con questo biglietto:

IMG_4844-2 copy

Ovviamente pensa che sia un mio regalo, uno scherzo, invece no, dopo anni di blogging, dopo avermi fatto da postino millemila volta, finalmente un pacco per lui, non ci crede! C’ho messo un po’ a fargli capire che non era un mio pensiero ma di Made4-Manifattura Italiana. Una camicia perfetta, dal taglio sartoriale, elegante e sportiva allo stesso tempo, da indossare con un jeans o sotto una giacca elegante. Perfetta per un manager come il mio Puni. Anche il colore è azzeccato, azzurro chiaro a righe bianche che mette in risalto i sui colori scuri. (Ok son di parte ma il Puni è il Puni). Un regalo inaspettato e molto gradito. Continua a leggere

B u o n g i o r n o!

IMG_2659

Eccomi di nuovo qui, come ogni lunedì.
Sono tornata da una vacanza lunghissima e ricominciare non è semplice. Tante cose da fare, sistemare e iniziare. Mille progetti, idee, un turbine di emozioni che mi fa esplodere la testa perché non so da che parte cominciare. Vorrei fare tutto e di più come ogni settembre, come ogni nuovo inizio, capita anche a voi?
Per me settembre è il mese del “…inizio il corso di…”. Sembra sempre che debba iniziare millemila corsi di ogni genere. Cucina, cucito, yoga, fotografia, inglese, musica, canto e chi più ne ha più ne metta.
Parliamoci chiaro, con tre bambini dove voglio andare? Cosa voglio iniziare? Certo posso fare quello che voglio, perché volere è potere, ma prima di tutto devo fare i conti con loro. Sempre loro, sempre lei, la famiglia, prima di tutto.
Non c’è storia, la famiglia è l’unico valore per cui valga davvero la pena lottare, con le unghie con i denti, senza mai mollare!

IMG_2826 Continua a leggere