risparmio-gestione famigliare
Project

Risparmio? Come risparmiare nella gestione famigliare.

Non ne ho idea! O meglio, ci provo, sempre, ogni mese, ma inevitabilmente, ogni mese capita una spesa imprevista, una bolletta inaspettata, un regalo, una cena o qualsiasi cosa che fa crollare tutti i miei buoni propositi di risparmio.

risparmio-gestione famigliare

Io sono una cicala, inutile negarlo. Se ho in mano 10 spendo 10 e a volte anche di più, raramente mi preoccupo del domani, tanto c’è chi lo fa per noi egregiamente (Il Puni ovvio).
Però, sono anche formica in fondo (ma proprio fondo), perché ho sempre grandi progetti di risparmio, di accantonamento del mio budget.
Peccato che restino quasi sempre “grandi progetti”.

Insomma, non butto i soldi, ma li spendo. Si, io spendo e credo di farlo nel modo giusto. Potrei spendere meno, forse, ma non mi pento mai dei miei acquisti perché li faccio sempre in modo sensato, questo me lo riconosco da sola e mi faccio anche i complimenti.
Noi siamo una famiglia numerosa, 5, più i miei suoceri che abitano sopra. Loro sono un nucleo famigliare a parte, ma si sa, la vicinanza crea sempre situazioni di condivisione e noi spesso ci fondiamo e diventiamo 7.

Ho dei piccoli barbatrucchi per un risparmio reale e immediato e voglio condividerli con voi perché sono curiosa di sapere se voi siete delle formiche o cicale.
I miei trucchetti riguardano la spesa e il riciclo. Riciclo in senso pratico.

Io riciclo tutti gli abiti dei bambini, li passo da Carlo a Vitto e quelli di Semmy li do a un nipotino. Non dico mai di no se qualche amica vuole regalarmi qualcosa di usato. Perché fare la schizzinosa?
Riciclo i regali che ricevono i bambini, sempre troppi, e così mi salvo per tutte le festine dei vari compagni di scuola e asilo.
Riciclo i contenitori e i sacchetti degli alimenti. In questo modo non devo comprare contenitori per sistemare la dispensa o conservare gli alimenti in frigo o freezer.
Riciclo le lenzuola vecchie trasformandole in stracci per la polvere e non ne compro al supermercato.
Trasformo gli stracci per la cucina in stracci per il bagno.

Questi sono solo alcuni dei piccoli stratagemmi che uso per risparmiare ma se vi fermate a fare due conti, a fine anno, sono un bel gruzzoletto risparmiato.

La spesa. Per me fare la spesa è una scienza. Non escludo che, prima o poi, terrò un corso su “Come fare la spesa nel modo giusto”.
(Vi ho accennato qualcosa qui)
Io ci metto impegno, attenzione, e riesco a risparmiare soldi e tempo.

Lo so, il mio è risparmio “piccolo” però le grandi cose si costruiscono mattone dopo mattone.
Io ho a che fare con le spese quotidiane, come la maggior parte di voi. Devo pensare alle bollette, alla spesa, alle spese per i bambini e i piccoli vizi che è giusto avere.

Non riesco a pensare al futuro, alla vecchiaia, perché sono fortunata e ho una persona con la testa sulle spalle che ci pensa. Ci pensa lui e io son tranquilla.
Sbaglio, è ovvio, ma non è semplice entrare nell’ottica, credetemi.

Tutto troppo complicato nel mondo delle banche, dei fondi di risparmio, negli accantonamenti e mille altri prodotti che le banche offrono.
Non ho voglia di passare ore a leggere pagine e pagine scritte piccolissime che comunque non capirei e che non mi spiegherebbero in modo semplice e chiaro cosa sto firmando.
E’ un limite, ma quante non hanno avuto lo stesso pensiero?

Ti fanno sottoscrivere un contratto “tutto gratis”, poi arriva l’estratto conto e immancabilmente ci sono delle spese che non ti aspettavi.
Chiedi chiarimenti e la risposta è sempre la stessa “era nel contratto”.
Ti viene voglia di perdere la calma e mandarli a quel paese.
Pensate che io non ho neanche la carta di credito perché mi ero stancata delle mille spese sproporzionate che mi addebitavano…

Detto ciò, qualcosa sta realmente cambiando, almeno, qualcuno vorrebbe iniziare un cambiamento e ascoltare davvero gli utenti e le loro esigenze.

Nel 2013 ha partecipato, al “Mammacheblog”, Wibida, una piattaforma di discussione aperta agli utenti che avevano voglia di confrontarsi sui temi del risparmio e dell’economia familiare. A partire dall’ ascolto della rete Widiba è diventata realtà e a novembre 2014 è stata sponsor al Mammacheblog Creativo come banca online con prodotti e servizi bancari reali.

Se avete voglia, e tempo, vi consiglio di guardare il loro sito. E’ strutturato in maniera chiara e comprensibile da tutti. Una navigazione semplice che fa venir voglia di credere che finalmente qualcosa stia cambiando e che un risparmio reale sia possibile anche per noi cicalette incomprese!!!

banner_widiba

[Post in collaborazione con Widiba]

 

  1. ciao carissima, io penso di essere uguale a te, anch’io faccio cio che fai tu e questo mi solleva molto credevo di essere una mosca bianca……
    per la vecchiaia conto su mio marito e meno male c’è lui……………io come te risparmio nel piccolo e trovo anche soddisfazione ma mannaggia ci sono sempre imprevisti……………..
    ti abbraccio
    sonia
    ps complimenti anche per il post del risveglio del mattino ……idem……….farsi le coccole con i bambini è una cosa stupenda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *